RISPARMIO E DETRAZIONE FISCALE

NUOVI INCENTIVI FISCALI…IL VIA A NUOVE RISTRUTTURAZIONI!

SI AGLI INCENTIVI…MA CON SPESE MONITORATE E SIGNIFICATIVE, INVESTIMENTI MIRATI CON ALLA BASE UN VERO PROGETTO DI RISPARMIO!

CHI INTENDERE AGEVOLARE LE PROPRIE SPESE DI RISTRUTTURAZIONE “DEVE” NON FARSI PRENDERE IN GIRO.
DEVE STUDIARE BENE LE PROPOSTE FATTE DA DIVERSI TECNICI E SFRUTTARE IL MIGLIOR PROGETTO PER IL MIGLIORE GUADAGNO/BENEFICIO E NON MIGLIORE COSTO/BENEFICIO PERCHE’ LE SPESE DI RISTRUTTURAZIONE DEVONO FARCI GUADAGNARE. SPENDERE MENO E’ UN GUADAGNO.

VEDIAMO DA VICINO I VANTAGGI APPORTATI DA QUESTO NUOVO DECRETO.

1) Miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici, dal 55% sono aumentate al 65%.
2) Conferma del bonus fiscale del 50% e prolungamento della scadenza da 30 giugno 2013 al 31 dicembre 2013 per interventi residenziali (appartamenti e negozi)
3) Conferma del bonus fiscale del 50% per le ristrutturazione degli immobili e ed è esteso agli ‘arredi fissi’ (cucine in muratura, armadi a muro ed altre soluzioni arredative fisse) e agli interventi antisismici nelle aree a rischio terremoti.

Tutto questo porta a grandi risparmi, del tipo:
A) risparmio nel riscaldare gli appartamenti con una diminuzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento, quindi le bollette di energia e gas si abbassano;
B) risparmio con interventi per le sostituzioni degli infissi
C) risparmio con l’installazione di pannelli isolanti che coibentano le pareti interne, i solai a copertura come soffitto e che creano un miglioramento termico dell’immobile;
D) risparmio con l’installazione di pannelli fotovoltaici e la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale.

ATTENZIONE E’ IMPORTANTISSIMO NON DIMENTICARE CHE TUTTO CIO’ SI OTTIENE RISPETTANDO I METODI DI PAGAMENTO
Nella pratica la detrazione del 55% va effettuata sul modello 730/2013, specificamente quadro E – righi da E61 a E63.